Assistenza > Materiali

istruzioni di elaborazione per Liqcreate Premium Flex Resina per stampa 3D

Dall'inizio della stampa 3D SLA e DLP, le resine rigide erano i principali materiali disponibili. Le resine rigide sono facili da stampare e non richiedono una grande quantità di abilità e conoscenza del processo di stampa. Con i nuovi sviluppi nella tecnologia delle resine, sono ampiamente disponibili resine flessibili, resistenti e ad alto allungamento. Con lo sviluppo di Premium Flex, Elastomer-X ed Flexible-X, Liqcreate offre resine flessibili per la prototipazione e l'uso industriale. Questi materiali flessibili richiedono un po' di attenzione in più su alcune aree per ottenere i migliori risultati. Principalmente sulla preparazione della stampa e post-elaborazione. I seguenti argomenti sono trattati in questo articolo.

Liqcreate Premium Flex resina 3D flessibile per stampanti 3D DLP MSLA LCD soft touch allungamento rimbalzo

  1. Agitare prima dell'uso.
  2. Impostazioni di supporto per resina flessibile
  3. Perché le parti flessibili stampate in 3D a volte sono appiccicose?
  4. Post-elaborazione per ottenere parti flessibili non appiccicose
  5. Parametri di stampa 3D.
  6. Processo di lavaggio
  7. Processo di post-polimerizzazione della resina
  8. Finitura superficiale della parte prevista.
  9. Come pulire/filtrare la resina?
  10. Spessore minimo della parete.
  11. Orientamento delle parti in resina flessibile
  12. Orientamento e preparazione di parti cave
  13. Compensazione del ritiro.
  14. Temperatura della resina.
  15. Risoluzione degli errori di stampa.
  16. Condizioni di archiviazione.
  17. Cosa non fare?

 

1) Agitare prima dell'uso.

Per la maggior parte della resina, si consiglia di agitare per un paio di minuti, soprattutto dopo longer stoccaggio per ottenere una miscela omogenea prima della stampa. Lo stesso vale per Liqcreate Premium Flex. Agitare per un paio di minuti e lasciare riposare la resina per un paio di minuti prima dell'uso. Durante l'agitazione la resina è omogeneizzata, ma saranno presenti delle bolle d'aria. Se si avvia un lavoro di stampa subito dopo l'agitazione, potrebbero essere presenti bolle d'aria nei primi strati della parte.

 

2) Impostazioni di supporto per resina flessibile

Un fattore importante per ottenere parti flessibili stampate in 3D di alta qualità sono le giuste strutture di supporto. Questi supporti possono variare per ogni stampante 3D e per ogni resina. Resine rigide come Deep Blue, Strong-X, Premium White/Nero/Modello sono facili da stampare con una combinazione di supporti medi. Una diversa strategia di supporto funziona meglio per la stampa di resine dure e flessibili. Per Premium Flex queste impostazioni funzionano bene sulle parti di calibrazione standard. se si dispone di una parte voluminosa della stampa di grandi sezioni trasversali, lo spessore del diametro del contatto dovrebbe essere maggiore.

Impostazioni PF 1 D2

Immagine di Liqcreate: General supporto delle impostazioni come punto di partenza per Liqcreate Premium Flex. Zoom del browser per ottenere valori dettagliati.

 

3) Perché le parti flessibili in resina stampate in 3D a volte sono appiccicose?

Una delle maggiori differenze tra la stampa 3D basata su SLA rispetto ad altre tecnologie di stampa 3D è che deve verificarsi una reazione chimica per creare uno strato. La reazione che si verifica è una polimerizzazione indotta dalla luce monomer. Questa specifica reazione chimica è una reazione molto controllata, che porta all'elevata precisione per cui è noto lo SLA. Tuttavia, uno dei suoi svantaggi è che la reazione è sensibile all'ossigeno, il che significa che un ambiente ricco di ossigeno può interrompere la reazione.

Quando troppe particelle reattive reagiscono con l'ossigeno, il risultato finale sarà una resina semi-indurita che lascia una superficie appiccicosa o appiccicosa. Durante un processo di stampa top-down SLA, DLP o MSLA/LCD, la resina viene polimerizzata sul fondo del serbatoio resina e non c'è abbastanza ossigeno presente per interrompere il processo. Tuttavia, l'ossigeno è presente durante la post-polimerizzazione (in aria), che sarà la causa principale dell'appiccicosità della superficie.

4) Post-elaborazione per ottenere parti in resina flessibile non appiccicosa

La post-elaborazione è un passaggio essenziale nella stampa 3D in resina. È importante post-elaborare correttamente le parti stampate in 3D per evitare parti appiccicose. Esistono alcuni metodi per ridurre la viscosità di una parte stampata in resina 3D. È meglio seguirli tutti se si verificano problemi con parti appiccicose. I metodi si basano su:

  • – Impostazioni del processo di stampa 3D
  • – Processo di lavaggio
  • – Processo di post stagionatura
  • - Cosa non fare?

 

5) Parametri di stampa 3D.

Liqcreate Premium Flex La resina per stampa 3D è progettata per la compatibilità aperta con stampanti 405D a resina DLP, MSLA, LCD e laser a 385 nm e 3 nm. È importante che la stampante 3D sia aperta per 3rd le resine e i parametri del partito possono essere modificati. Le parti con polimerizzazione eccessiva e insufficiente possono portare a una superficie appiccicosa che non può più essere fissata successivamente durante la lavorazione. Pertanto è importante avere un buon tempo di esposizione per ogni strato. Molti parametri sono già preparati ed elencati qui. Fare clic sulla stampante effettiva per vedere se Liqcreate Premium Flex i parametri sono disponibili. In caso contrario, inviare un'e-mail al nostro team tecnico all'indirizzo info@liqcreate.com e cercheranno di aiutare.

 

6) Processo di lavaggio

Dopo aver ottenuto un oggetto stampato in 3D in resina di alta qualità, le parti devono essere pulite e polimerizzate. Il lavaggio è un passaggio importante. La fase di lavaggio assicura che tutta la resina residua non reagita venga lavata via e non possa reagire con l'ossigeno durante la polimerizzazione post-stampa. Si consiglia di lavare con alcool isopropilico, etanolo (preferibilmente >85%) o the Liqcreate resin cleaner. Resin cleaner le istruzioni possono essere trovate qui. Per Etanolo e IPA si consiglia di utilizzare 2 bagni di risciacquo. Uno con solvente usato e uno con solvente fresco. Lavare le parti preferibilmente ad ultrasuoni, e altrimenti sotto agitazione per 2 minuti nella soluzione utilizzata, seguiti da 3 minuti nell'etanolo/IPA fresco. Il secondo risciacquo in IPA/Etanolo fresco assicurerà che non rimanga resina sulla superficie.

 

7) Processo di post-indurimento della resina

Dopo che una parte è stata lavata correttamente, dovrebbe essere post-polimerizzata ai raggi UV. Ma è molto importante che prima della post-polimerizzazione, la parte sia completamente asciutta. Questo può essere fatto appoggiandolo su un banco e attendere 30 minuti, riscaldando (leggermente) le parti o soffiando con aria compressa. Le parti secche dovrebbero già sembrare abbastanza non appiccicose e possono essere post-polimerizzate. Leggi questo articolo per saperne di più sui migliori parametri di post-polimerizzazione UV di una specifica resina.

In campo medico, spesso viene utilizzato un metodo più professionale per eliminare l’ossigeno durante la post-elaborazione e quindi ridurre la viscosità delle parti stampate in 3D. Spesso le parti vengono polimerizzate post-stampa in una camera di azoto. Ciò si tradurrà in oggetti completamente non appiccicosi. Per più  Premium Flex, si consiglia di post-polimerizzare in un'atmosfera priva di ossigeno. Questo sarebbe o in una camera di azoto, oppure immerso in un vasetto trasparente di acqua o glicerolo durante i primi minuti di post-indurimento.

 

8) Finitura superficiale del pezzo prevista.

Se stampato e post-elaborato correttamente, dovresti essere in grado di vedere le linee di pixel delle parti stampate con Premium Flex almeno ai lati della parte. Quando le parti appaiono sfocate, spesso i parametri di stampa non sono corretti. Contatto info@liqcreate.com per assistenza.

Liqcreate Premium Flex resina 3D flessibile per stampanti 3D DLP MSLA LCD soft touch allungamento rimbalzo

9) Come pulire/filtrare la resina?

Quando una parte si guasta durante la stampa, si consiglia sempre di pulire il serbatoio resina. Questo di solito viene fatto filtrando la resina per assicurarsi che tutti i pezzi di plastica rigida siano spariti. Se sono presenti parti in resina polimerizzata quando si avvia una nuova stampa, possono danneggiare la pellicola FEP anche dello schermo LCD. Un filtro in resina standard funzionerà sufficientemente per filtrare Premium Flex resina quando la resina è a 25°C / 77°F.

10) Spessore minimo della parete.

È possibile stampare dettagli fini con Liqcreate Premium Flex Resina per stampa 3D. Tuttavia, aree ampie e sottili possono deformarsi o le parti possono piegarsi durante la stampa e la post-elaborazione. La deformazione e lo spostamento di parti sottili durante la stampa possono addirittura portare a errori di stampa. Si consiglia pertanto di mantenere uno spessore minimo delle pareti per queste grandi aree. È difficile fornire una guida precisa sullo spessore della parete poiché questo dipende dal progetto totale. È possibile stampare localmente parti piuttosto sottili. Tuttavia, se una parte è grande e presenta pareti sottili su tutta la parte, non è consigliabile.

flettere

Immagine: da sinistra a destra, Premium Flex parte stampata con spessore dello strato di 0,1 mm su supporti, quello di sinistra è di 10 mm, quello centrale di 5 mm e la parte di destra di 2 mm di spessore. Gli strati visibili sono contrassegnati da un orange linea nelle immagini.

 

Come puoi vedere nel test qui sopra, le linee spesse sono visibili quando la parte non è più stabile. Con parti spesse 10 mm, queste non erano visibili lungo l'altezza della parte. Questo è stato il caso della stampa con supporti e direttamente sulla piattaforma. Nella parte spessa 5 mm, queste linee cominciavano a essere visibili a una lunghezza di 70 mm. Per la parte di spessore 2mm avviene ancora prima, intorno ai 26mm di altezza. Queste linee possono essere il punto di partenza di un errore di stampa o il punto di inizio della rottura della parte finale e dovrebbero essere evitate. È più visibile nelle parti diritte che nelle parti organiche, poiché le parti organiche hanno più supporto nella parte stessa e non possono piegarsi così facilmente.

 

11) Orientamento delle parti in resina flessibile

Proprio come tutte le altre parti, è importante supportare sempre i punti bassi locali e le sporgenze per la resina flessibile. Le grandi sporgenze sono difficili da stampare a causa del verde più morbido del nostro Tough-X, Premium Flex ed Flexible-X resina durante la stampa 3D. Queste sporgenze possono essere ridotte al minimo orientando in modo intelligente il file e posizionando le strutture di supporto sulle sporgenze. Se è possibile per il tuo progetto, il modo più semplice per stampare questo materiale è direttamente sulla piastra di costruzione. Se la tua parte richiede supporto, riduci sempre al minimo le sporgenze e le grandi "superfici piane". Una superficie piana è una superficie perpendicolare alla piastra di costruzione, come mostrato nell'immagine sottostante. Questa è l'opzione peggiore per supportare una resina flessibile per la stampa 3D.

Immagine: cerca di evitare orientamenti come l'immagine sopra. Le parti con molte superfici piane sono difficili per la stampa 3D in resina flessibile

Quando sono necessari supporti, cercare di ridurre al minimo le sporgenze e le superfici piane come mostrato nell'immagine sottostante.

Immagine: se sono necessari supporti, utilizzare un angolo di ~30° per supportare la parte.

Con le resine flessibili è più difficile stampare le sporgenze e quindi un'area più ampia dovrebbe essere supportata con le impostazioni di supporto spiegate nel capitolo due. È stato stampato un file di prova per determinare l'angolo che può essere stampato senza supporti.

IMG_1745 Resina premium con angolo flessibile liqcreate

Le barre sono disposte con un angolo compreso tra 20° e 70° e hanno uno spessore di 2 mm. La parte è stata completamente stampata, ma da un angolo di 30° inizia a piegarsi e perde significativamente la precisione. Pertanto si consiglia di sostenere anche la più piccola sporgenza.

 

12) Orientamento e preparazione delle parti cave

Quando si stampano parti cave o parti con aree cave come il cilindro cavo sottostante, è importante posizionare la parte su supporti. In opposizione a quanto detto prima. Per le parti cave la qualità sarà peggiore quando si stampa in 3D direttamente sul piano di stampa. Durante il movimento della piattaforma, si verifica un accumulo di pressione nella parte, che conferisce linee di strato estremamente difettose e talvolta persino crepe all'interno di queste linee di strato, come mostrato nell'immagine sotto a sinistra. Posizionarlo sui supporti avrà lo stesso effetto che posizionare un foro di ventilazione, per regolare la pressione nella parte durante la stampa 3D per ottenere finalmente una parte di buona qualità, come mostrato nella parte destra (i supporti sono stati rimossi).

Immagine: Parte cava senza supporti al centro e con supporti a sinistra (angolo 5°) e a destra (angolo 0°). I supporti hanno lo stesso effetto di un foro di ventilazione, per regolare la pressione nelle aree cave durante la stampa 3D. Ciò ha un effetto positivo sulla qualità delle parti e sul tasso di successo della stampa 3D con resina flessibile.

 

13) Compensazione del ritiro.

Testato sul Elegoo Mars 3, la compensazione del restringimento in Chitubox per ottenere una migliore precisione può essere trovata nell'immagine qui sotto. Se hai bisogno di parti super accurate, vale la pena leggere Questo articolo. Poiché quell'articolo spiega che la precisione per le parti spesse e sottili può deviare.

Con queste impostazioni sono stati stampati e ottimizzati tre blocchi di prova da 40,00 – 30,00 e 20,00 mm. Abbiamo riscontrato che i migliori risultati si ottengono senza alcuna compensazione poiché la resina mostra un basso ritiro in questo intervallo. I valori misurati di questi blocchi erano rispettivamente 39,96 mm, 30,00 mm e 20,06 mm. Con le limitate opzioni offerte da Chitubox per la compensazione, queste funzionano bene nell'intervallo di 30-40 mm di spessore. Come puoi vedere le parti più sottili sono troppo spesse e all'interno di Chitubox è difficile compensare sia le parti spesse che quelle sottili.

comp. termoretraibile PF

 

14) Temperatura della resina.

Si consiglia di stampare con Liqcreate Premium Flex resina almeno a 20°C / 68°F e maximum a 25°C / 77°F. la stampa a temperature inferiori provoca guasti casuali nel materiale.

 

15) Risoluzione degli errori di stampa con Liqcreate Premium Flex resina.

Ci sono molti problemi comuni di stampa 3D in resina. Il problema di stampa più comune con questa resina è un guasto alle punte del supporto. Se ciò accade, lo spessore della punta del supporto e l'intersezione nel modello sono troppo piccoli. In questo articolo puoi trovare 10 comuni errori di stampa 3D in resina e come risolverli. Se hai bisogno di supporto, invia una e-mail a info@liqcreate.com e il nostro team tecnico cercherà di assistere.

16) Condizioni di conservazione.

Conservare il prodotto nel suo flacone originale, tappo e tappo a una temperatura minima di 5°C / 41°F e maxmassimo 30°C / 86°F. Evitare fonti di calore, radiazioni, elettricità statica, luce solare e contatto con alimenti.

 

17) Cosa non fare?

Ci sono alcune cose che darebbero sicuramente parti appiccicose. Il primo passo da non fare è risciacquare con acqua una parte non completamente pulita. Acqua e resina non si mescolano e danno una superficie sporca e appiccicosa. Accanto all'acqua, anche le parti non completamente pulite o asciutte dopo la polimerizzazione porteranno a una superficie appiccicosa. Una volta che una parte è post-polimerizzazione UV, è quasi impossibile rimuovere la superficie appiccicosa/appiccicosa. Si consiglia quindi di prestare un po' di attenzione in più all'intero processo per evitare di stampare nuovamente le parti.

 

Team Liqcreate ti auguro buona stampa. In caso di domande o commenti, non esitate a contattarci all'indirizzo info@liqcreate.com qualsiasi momento.

Assistenza

Hai bisogno di aiuto con la stampa 3D delle nostre resine SLA, DLP o LCD? Possiamo aiutarti! Cerca la domanda che hai di seguito. Se non lo trovi, faccelo sapere contattandoci!

Impostazioni stampante →

 

Premium Flex

Liqcreate Premium Flex è un fotopolimero blu turchese traslucido con grande processabilità e velocità di stampa su stampanti 3D basate su MSLA e DLP. Le parti stampate in 3D di questo materiale hanno un'eccellente flessibilità e una bassa durezza superficiale di 63 Shore A. Liqcreate Premium Flex può essere utilizzato su stampanti 3D DLP, MSLA e LCD aperte nell'intervallo 385 – 420 nm. Il suo elevato allungamento e la bassa durezza Shore A lo rendono perfetto per la varietà di prototipi morbidi al tatto e simili alla gomma.

Principali vantaggi

Compatibilità con la stampante 3D

· Alto allungamento ·        Anycubic Serie
· Tocco leggero ·        Elegoo Serie
· Facile da stampare ·        Phrozen Series
· Elevata flessibilità ·        E molti altri
  • Liqcreate Premium Flex resina per DLP LCD MSLA resina per stampa 3D flessibile e morbida resistente

    Premium Flex

    Categorie:
    EAN: N/A SKU: N/A
    Cancellare

 

Non trovi la tua risposta?

La tua domanda è ancora senza risposta? Non c'è bisogno di preoccuparsi, chiedi a noi!

Contattaci


I nostri prodotti più venduti

  • Liqcreate Strong-X Flacone da 1 kg

    Strong-X

    Categorie:
    EAN: N/A SKU: N/A
    Cancellare
  • Liqcreate Wax Castable per la fusione di oggetti utilizzando la stampa 3D LCD/MSLA, DLP e SLA

    Wax Castable

    Categorie:
    EAN: N/A SKU: N/A
    Cancellare
  • Liqcreate Flexible-X resina per stampa 3D flessibile ed elastica LCD SLA DLP

    Flexible-X

    Categorie:
    EAN: N/A SKU: N/A
    Cancellare